FASHION/4

FOTOGRAFIA/3

Il termine “fotografia” deriva dal greco φῶς, φωτός, luce e -grafia γραϕία, scrittura ovvero “scrittura di/con la luce”.

Composit

Il composit è un particolare biglietto da visita utilizzato da modelli ed attori, utilizzato a scopo conoscitivo e promozionale.

Di solito, il composit consiste in un cartoncino con una fotografia del modello stampata sul fronte, e un collage di cinque o sei fotografie sul retro, insieme al nome e ai dati relativi alle caratteristiche fisiche, come misure, altezza e taglia.

I primi composit sono comparsi a Londra intorno al 1965, realizzati da Peter Marlowe e stampati in formato A4 sino al 1972, quando si passò al formato A5. In seguito, altre aziende iniziarono a pubblicare prodotti simili per l’industria della moda utilizzando nomi differenti, finché Marlowe non registrò il marchio “Model Composite” in Europa e negli Stati Uniti 

MODA/4

Nell’Ottocento la tecnica sartoriale andò affinandosi rendendo più agevole indossare il vestito. Dal XIX secolo si iniziano a distinguere i primi stilisti, che creavano nuovi tagli, nuove stoffe e nuovi canoni nel modo di abbigliarsi, con l’adozione di nuovi abiti femminili quali il tailleur inventato alla fine del secolo dall’inglese Redfern. Lo stilista capovolse il rapporto tra il sarto e la cliente, che ora dipendeva dalle sue idee ed era ben felice di indossare un abito firmato da lui e realizzato nel suo atelier. Gli stilisti lavoravano solo per l’élite poiché i costi per l’ideazione e per la produzione erano molto alti. Questo nuovo impulso di riforma fu principalmente portato avanti da Charles Fréderic Worthinglese trapiantato in Francia, considerato l’inventore della Haute Couture e sarto personale dell’imperatrice Eugenia, moglie di Napoleone III, e della sua corte, dal 1865.

La rivoluzione industriale nata in Inghilterra alla fine del XVIII secolo, creò, nel campo della moda e della tessitura, macchine che permettevano di tessere, tagliare e cucire con rapidità e a basso costo. Tuttavia la moda si avvicinò alla massa solo verso la metà dell’Ottocento, grazie all’invenzione di macchine per tagliare le pezze di tessuto e all’introduzione del telaio meccanico jaquard. All’inizio tali tecniche furono applicate soprattutto alle uniformi militari; con la nascita in Francia dei grandi magazzini, i prezzi degli abiti confezionati in serie si abbassarono notevolmente.

Le nuove tecniche della chimica e l’invenzione dell’acciaio introdussero materiali meno costosi: la tessitura meccanica accelerò la produzione di stoffa, così come la stampa delle decorazioni con coloranti industriali; i busti e le sottogonne non furono più rinforzati da stecche di balena, ma di metallo, facilmente riproducibile in serie. La crinolina, la sottogonna a cupola diffusa durante il periodo del romanticismo e munita di cerchi d’acciaio, fu per la prima volta indossata anche dalle donne del popolo.

Pubblicato da davidnewsonline

Piace servire la gente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: